He’s just not that into you. And we know it.

A ripensarci, davvero non riusciamo a smettere di sorridere. Anzi di ridere proprio. Se non fosse in realtà una situazione d-r-a-m-m-a-t-i-c-a, a rifletterci seriamente su. Ma non riflettiamoci, che è meglio. Sorridiamo, piuttosto.

Il nostro amico Greg (per chi non conoscesse Greg, quello che scriveva i testi di Sex&TheCity e che è l’autore di questo, letto e riletto e sottolineato e quando ce ne dimentichiamo c’è sempre un’amica saggia che ce lo riporta in mente) sarebbe super proud of us.
Ci siamo allenate e, forse (dico forse!) abbiamo imparato la lezione.

N.B. Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

Tratto da He’s just not that into you, appendice 2018

Caro Greg,

c’è questo ragazzo – ma chiamiamoli col loro nome – c’è questo giovane uomo che mi porta in montagna per tre giorni. Io e lui. Montagne bellissime, giorni spettacolari. Ore di macchina per arrivarci. Stiamo in una mansarda con un panorama straordinario, andiamo a cena, ordina e beviamo una bottiglia di rosso. Chiacchieriamo e ridiamo. Intendiamoci, non siamo amici di lunga data, non è uno con cui ho un trascorso o bei momenti da ricordare. No, è tutto da costruire. Non so neanche come ci sono arrivata qui. Cioè sì, lo so. Io gli ho chiesto un consiglio, lui risponde lanciando questa proposta di andare in montagna tre giorni, io rispondo ma-sei-serio, lui dice sì, io dico ok, fissiamo un week end. Poi sparisce. Lo so Greg, lo so. E’ sintomatico, ma sai, noi siamo testarde: se il week end è cancellato perché ti sei pentito di avermelo proposto (comprensibile, assolutamente comprensibile) almeno me lo devi dire esplicitamente. Quindi gli chiedo se era uno scherzetto. No, non scherzavo, andiamoci. Ok, andiamoci. Così ci sono arrivata, a bere un rosso e a mangiare lo strudel con la crema alla vaniglia.
Non dando per scontato nulla, la stanza ha quattro posti letto. Ma non si pone il problema e mi chiede da che parte del letto doppio voglio stare. Dorme in mutande, in mutande Greg! E io non porto neppure il pigiama con paperina.

E niente. Non succede niente. Per tre giorni e due notti non succede nulla. Non mi sfiora neppure. Anzi a pensarci mi sfiora, un paio di volte, con ogni probabilità per sbaglio: mentre leggo e per accompagnarmi fuori dalla cucina mentre salutiamo la gentile signora che ci ha ospitato. Stop.

Greg, ti assicuro, non puzzavo. E mi ha pure fatto delle foto. E abbiamo anche riso insieme, abbiamo inventato teorie assurde sulla luce che c’è in montagna. Ha fermato l’auto per vedere, di nuovo, il cielo stellato. Mi ha portato e mostrato dove ha lavorato negli anni scorsi, mi racconta dei suoi che – pensa te – si sono innamorati proprio lì.

Greg, sono confusa. Pare fare lo sbruffone, ha sempre ragione. Quando si rende conto di sbagliare non lo ammette, ma sorride. Lui – ci tiene a dirlo – non chiede mai nulla agli altri. E chiariamoci: non lo so neppure se mi piace davvero. Perché è difficile, è… faticoso.

E’ che io sono così Greg. Quando comincia ad interessarmi qualcuno (cosa che capita con una certa rarità) di solito mi carico di vari strati di difesa e, fisicamente, mi allontano. Cioè non tocco, non mi faccio toccare, fino a quando non sfondi ogni porta e allora lì crolla tutto. Ogni difesa. Tutto.
Forse, Greg, è così anche per lui. Forse c’è solo bisogno di tempo e pazienza e spazio.

Vero che è così, Greg?

Cara lui-ha-dormito-in-mutande-a-pochi-centimetri-da-me-ma-forse, NO, lui non è come te. Gli uomini non ragionano come le donne. L’uomo sa quello che vuole e se ce l’ha a pochi centimetri di distanza, se lo prende (con dolcezza, si intende). E tu non sei l’eccezione.
Capisco il principio di dramma, mia cara LHDIMAPCDMMF: circostanze perfette, ci sono tutti i presupposti eppure manca sempre un pezzetto. Mi dispiace dirtelo, ma anche questa volta è così.
Vuoi un amico che ti porti in posti belli e con cui fare tante chiacchiere? L’hai trovato, fanne tesoro che è comunque una cosa preziosa e bella.
Cerchi altro? Allora non è lui e non perderci tempo ed energie. Spendile per qualcuno che, ad averti così vicina, non esiti un istante, non ti lasci alcun dubbio e, soprattutto, non ti lasci scivolare via.

 

… Siamo state brave, Greg?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...